top of page

[ACQUA E IDRATAZIONE]

Aggiornamento: 23 set 2021

A cura di Marta Gambini, Irene Ticozzi, Penelope Pezzotta


ACQUA: MENTE VS CORPO


E’ il composto più diffuso in natura sia sulla superficie terrestre (nei tre stato solido liquido e gassoso) che nel corpo umano (le cellule sono ne costituite dal 80-90%).


CORPO: Le Caratteristiche chimico fisiche dell’acqua la rendono un elemento presente ed essenziale nella nostra quotidianità

MENTE: La medicina Cinese e l’elemento acqua. Scopriamo insieme le caratteristiche della visione orientale


Costituita non solo da Idrogeno e ossigeno, ma anche da sostanze disciolte che ne determinano le proprietà chimico-fisiche. Tali sostanze sono:

- {SALI} torbidotà, residuo fisso a 180 C

- {IONI} lo ione idrogeno determina il grado di acidità pH> 7 o basicità dell’acqua pH<7 ed elettroliti che ne determinano la conducibilità - {Composti organici}


Caratteristiche fisiche:

-Temperatura di ebollizione 100 C

-Capillarità

-Calore specifico (energia necessaria per alzarne la temperatura)

-Aumento di volume al congelamento

-Potere solvente



 

L’acqua é uno degli elementi nella medicina tradizionale cinese, insieme a legno, fuoco, terra e metallo.

Rappresenta a perfezione la capacità di adattamento ed è associato alla vecchiaia, alla saggezza.

I meridiani associati sono Vescica Urinaria e Rene.

La prima trattiene i liquidi necessari a trasportare i rifiuti, le tossine e gli scarti del corpo, per poi espellerli.

Il suo squilibrio può provocare necessità di liberarsi da angosce e paure che tratteniamo nel nostro profondo.

Il canale del rene invece riceve sangue e linfa “sporchi” è proprio in tale organò avviene la purificazione. La purezza per questo è caratteristica dell’elemento acqua. Una disfunzione del rene può provocare stasi.

Caratteristiche caratteriali dell’elemento acqua: forte volontà, calmo, riflessivo e serio, coraggioso e interessato ad ogni novità.

Strutturato fisicamente in maniera stabile, tende a tondeggiarsi in età avanzata ma soprattutto ad accumulare liquidi.

L’emozione legata all’acqua è la Paura.

Nonché causa più frequente che porta spesso l’elemento fuori equilibrio.

Chi presenta disturbi dell’elemento acqua non avrà la forza necessaria a concludere o raggiungere obbiettivi e Subirà conseguenze legate alla mancanza di energia nell’area della sessualità e della riproduzione.


 

ACQUA E INFIAMMAZIONE


L’acqua è presente nelle cellule (80-90%) e nel sangue (90%); l’equilibrio osmotico tra questi due compartimenti è fondamentale.


L’equilibrio osmotico è legato a due pressioni:

- Idraulica: legata alla concentrazione di acqua nella soluzione

- Osmotica: legata al numero di particelle presenti nella soluzione


Quando queste due forze sono uguali e contrarie si è in una condizione di equilibrio e il nostro corpo sta bene.

Nel momento in cui c’è una perturbazione di queste due forze devono attivarsi dei meccanismi per tornare alla condizione iniziale.

Tutto ciò può accadere in due condizioni:

- Quando la concentrazione di acqua è maggiore nel sangue

- Quando la concentrazione di acqua è maggiore nelle cellule


  • Nel primo caso l’acqua tende a spostarsi dal sangue alle cellule per tornare in equilibrio, ma questo porta a un aumento del volume cellulare, che provoca la morte della cellula, che scoppia.

  • Nel secondo caso invece l’acqua si sposta dalle cellule al sangue. Questo provoca una disidratazione delle cellule, che diventeranno malfunzionanti.


Per nostra fortuna il corpo mette in atto altri MECCANISMI DI COMPENSAZIONE per evitare la morte di queste cellule e far si che si torni allo stato di equilibrio.

➡ Il passaggio dell’acqua da un compartimento all’altro è permesso dalla presenza di trasportatori specifici, detti ACQUAPORINE.


Questa capacità dell’acqua di muoversi da un compartimento all’altro viene sfruttata durante l’infiammazione.


Cos'è l'infiammazione?

L’INFIAMMAZIONE è un processo necessario affinché ci sia una risposta protettiva verso il danno.

Nel momento in cui c’è un danno, le cellule del sistema immunitario si attivano. Dopo l’attivazione devono migrare alla zona infiammata per poter svolgere il loro ruolo.

Per fare ciò è importante che ci sia fuoriuscita di acqua dal vaso sanguigno al tessuto, cosicché anche le cellule del sistema immunitario possano giungere al tessuto.


Questo è ciò che succede al nostro organismo quando si formano edemi o ematomi, causati da una cattiva circolazione sanguigna, traumi o contusioni.


 

ACQUA E PERCORSO KNEIPP


Circolazione sanguigna scorretta, scorretto equilibrio osmotico e vita sedentaria portano ad avere gonfiore nelle gambe e successivi problemi.



Il sangue venoso, che dai piedi deve raggiungere il cuore, fluisce combattendo la forza di gravità grazie a delle valvole, che vengono attivate proprio dalla contrazione muscolare. Avere una vita sedentaria, quindi, impedisce il normale ritorno venoso, causando un ristagno sanguigno e quindi una fuoriuscita di acqua all’esterno dei vasi sanguigni.


Sebastian Kneipp studiò un percorso per risolvere questo problema, sfruttando il movimento e le proprietà fisiche dell’acqua.


Chi è Sebastian Kneipp?


Nato in Germania nel 1821. Da giovane fu affetto da una grave forma di tubercolosi, tanto che i medici gli avevano prospettato una vita breve ed infelice.


Da adolescente entra in seminario e inizia a studiare, entrando in contatto con i rimedi naturalistici degli Hahn.


Così decide di tentare su di sé le cure appena scoperte. Ha iniziato immergendosi per qualche secondo nelle acque del Danubio, tutti i giorni, anche nei mesi più freddi. Subito dopo si rivestiva e tornava di corsa a casa.


La combinazione tra acqua fredda e movimento fisico riattivarono il sistema circolatorio e stimolarono i processi di guarigione.




Il percorso Kneipp

l trattamento più diffuso nei centri termali e SPA è il "percorso Kneipp", che però, ha spesso ben poco in comune con il percorso originale.


Per Sebastian Kneipp la predisposizione alle malattie dipendeva da una "eccessiva sensibilità corporea" dovuta alla carenza di stimoli esterni (poca esposizione alle temperature fredde o utilizzo di calzature molto rigide). Per ripristinare la "reattività organica", Kneipp ideò alcuni trattamenti, tra i quali il principale era la CAMMINATA A PIEDI NUDI NEL PRATO (taulaufen).

Camminare a piedi nudi è il mezzo più semplice per attutire l’eccesso di sensibilità, grazie anche alla stimolazione termica data dall’umidità dell’erba, che attiva il sistema nervoso e stimola anche il sistema immunitario.


La pratica consiste nel camminare sull'erba umida della rugiada mattutina a piedi e gambe calde, imitando il passo della cicogna, fino a quando si avverte freddo o si ha l'insorgenza del crampo al polpaccio.


A questo punto si calzano le calze e le scarpe senza asciugarsi i piedi e si fa movimento, allo scopo di stimolare la circolazione e generare un benefico senso di calore.

Se non avete un prato, allora potete camminare su un pavimento bagnato con acqua fredda.


 

MASSAGGIO EMO LINFATICO


Abbiamo deciso di farvi un regalo!

Vi proponiamo una sequenza di massaggio fai da te... scopri di cosa si tratta!


1️⃣ eseguire dei movimenti circolari intorno ai malleoli


2️⃣ sfioramenti utilizzando tutta la mano, sia posteriormente che anteriormente alla gamba. I movimenti terminano nella piega posteriore del ginocchio


3️⃣ movimenti circolari a mano aperta


4️⃣svuotamenti a braccialetto, il cui fine è quello di pompare ulteriormente i liquidi verso l’alto


5️⃣ movimenti circolari intorno al ginocchio


6️⃣ sfioramenti anteriori e posteriori alla coscia in direzione o della piega glutea o della zona inguinale


7️⃣ movimenti circolari con pugni semi chiusi (frizioni)


8️⃣ impastamenti nella parte mediale e laterale della coscia


9️⃣ svuotamenti a braccialetto dal basso verso l’alto


🔟 battiture a coppetta (semichiudendo le mani)


 

ACQUA E NUTRIZIONE

Per approfondire l'importanza dell'idratazione nell'alimentazione, vi consigliamo di leggere l'articolo della Dottoressa Sara Palladino. Clicca qui per leggere l'articolo!

10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
barra sorpa.jpg
bottom of page